XXII
scolata con esso loro, non può ne dal pe
so loro esser depressa in giu, ne con la
leggierezza sua solleuarsi in su: spinta
da uiolenza per la mistione del suo con­
trario, per trauerso è portata: & alho­
ra si fanno grandissimi uenti, quando è
nell'aria gran copia di eshalatione, e di
uapori: ma se è picciola, si fanno aure
piaceuoli e leggieri. E quando nelle nu
uole e ne i uapori sarà rinchiusa questa
eshalatione secca, e, spinte le nuuole
di sopra dalla frigidità, sarà cacciata
uerso la terra: alhora uengono a gene­
rarsi uenti, che soffiano dalle nuuole.
ma se questa medesima eshalatione,
non bene ristretta in uno, ma sparsa e­
sce fuori con impeto per le nuuole; si
accende, e fa i fulguri, & i tuoni. ma
quando condensata, e mescolata col
uapor freddo, con gran forza è caccia­
ta: alhora si fanno i fulmini: i quali, co
me si uede nella Meteora, sono di piu