cosi fosse; non potrebbono esser detti
elementi; essendo, che si risoluereb­
bono in altri corpi, cioè ne gli atomi; e
cosi non sarebbono, come dice la diffi­
nitione di Aristotele, indiuisibili secon
do specie. ma ancor questa opinione di
Democrito è confutata da Aristotele
con molte ragioni & euidenti argomen
ti nel terzo libro del cielo, & altroue.
Poi che adunque gli elementi non sono
composti ne di triangoli, ne di parti si­
milari, ne di atomi: resta, che siano
composti di materia e forma. e proua­
si cosi. Qualunque cosa è in atto; oue­
ro è atto per se esistente; ouero ha l'at­
to, per il quale ella è. niuno corpo può
esser atto per se esistente: (perche l' at­
to per se esistente è forma astratta, e se­
parata da materia) necessario è dunque
che gli elementi, i quali sono corpi in
atto, habbino l' atto, per causa del qua
le siano elementi. et essendo cosi; se-